Keyshot

Cinque ragioni per utilizzare Keyshot

Fra i diversi software di rendering 3D, Keyshot presenta caratteristiche tali da renderlo il più flessibile, il più performante e il più potente. Le sue possibilità applicative sono pressoché infinite: dall’animazione, al design industriale, alla preview di spazi allestiti e può essere di supporto anche nella progettazione meccanica.
Per questo lo abbiamo scelto come software per renderizzazione 3D.
Keyshot, infatti, non mostra semplicemente il prodotto finito in modo estremamente realistico ma permette anche di muoverlo, simulandone il comportamento reale, dato fondamentale per chi si occupa di progettazione meccanica e spesso deve realizzare macchine o parti di esse che svolgono una precisa funzione motoria.

Vediamo nel dettaglio quali sono i punti di forza di questo straordinario software di rendering 3D:

  1. Progettazione

Keyshot ha una rete di partenrship che permette agli utenti CAD e di modellazione 3D di trasferire i dati direttamente dalla loro applicazione a Keyshot mantenendo un collegamento alla loro sessione di modellazione. Grazie all’esclusiva tecnologia LiveLinking, qualsiasi modifica apportata al progetto può essere trasferita alla sessione Keyshot in esecuzione e aggiornare la scena senza alcuna perdita di lavoro. LiveLinking mantiene la sincronizzazione tra le applicazioni.

Ogni modifica – materiale, illuminazione, geometria – viene visualizzata istantaneamente e consente di valutare il risultato in pochi secondi. Che si tratti di un piccolo gadget o di un assemblaggio complesso, con Keyshot il flusso di lavoro diventa più fluido, riducendo i tempi di caricamento e lasciando più spazio all’analisi.

Il cliente può essere coinvolto da subito nella realizzazione, poiché può seguire online le scelte non solo strettamente tecniche ma anche di colore, materiale, ecc. interagendo con il team di progettisti per chiedere modifiche o specifiche in itinere e non alla fine quando può essere  costoso tornare indietro.

Inoltre, a differenza di molte altre applicazioni di rendering 3D, i materiali sono scientificamente accurati, questo aspetto è imprescindibile per chi fa progettazione meccanica e ha quindi  la necessità di portare avanti un discorso strutturale oltre che di resa visiva.

  1. Resa fotorealistica

Keyshot presenta una libreria pressoché infinita con oltre 750 materiali preimpostati e migliaia di altri reperibili su Keyshot Cloud con possibilità di crearne di personalizzati. Una volta fatta la scelta basterà trascinare sul pezzo in progettazione il materiale selezionato e vedere il risultato, con un semplice gesto del mouse.

Inoltre Keyshot lavora in un ambiente completamente ray racing grazie ad algoritmi di illuminazione che possono simulare la luce interna come quella esterna con riflessi. Questo permette di raggiungere rappresentazioni fotorealistiche del prodotto.

Per i clienti più esigenti Keyshot presenta funzionalità ulteriori come Material Graph che permette di creare nuovi materiali, applicare  texture ed etichette. Per la regolazione dei riflessi della luce si può ricorrere a  HDRI Editor.

Keyshot offre una percezione realistica del prodotto al cliente in tempi più brevi e con un maggior grado di precisione dei dettagli di qualsiasi altro software di rendering 3D. L’immagine così ottenuta può essere utilizzata dal cliente per scopi commerciali: dai cataloghi, al sito web alle fiere virtuali.

  1. Animazione

Project utilizza software per supportare la parte strutturale e di calcolo dell’oggetto (pressione, deformazioni, usura) ma sa che è altrettanto importante mostrarne il funzionamento, in modo da condividere con i cliente i vari steps progettuali e le eventuali criticità.

Keyshot grazie ad applicazioni mirate garantisce immagini 3D in movimento: rende visibile il meccanismo, la regolazione e la manutenzione dell’oggetto con una visuale a 360°.

Per Project Keyshot è quindi un potente strumento nell’analisi funzionale e di comunicazione di ciò che vogliamo progettare perché grazie all’animazione abbiamo la possibilità di “far vedere” al cliente ciò che vogliamo realizzare in base al suo input.

Il rendering 3D si è rivelato un nuovo, importante modo di comunicare con il cliente e di condividere con lui le scelte progettuali facendo evolvere anche il nostro modo di lavorare come vedremo al prossimo punto di forza.

PER SAPERNE DI PIU’ VISITA LA NOSTRA PAGINA Rendering 3D

  1. Condivisione

Il distanziamento sociale ha spinto la progettazione meccanica verso la condivisione in rete, verso l’attenzione al rendering e alla possibilità di visualizzare insieme al cliente in tempo reale le parti del prodotto, il suo funzionamento, la resa e il design finale.

Keyshot Viewer è un software da installare che apre i file originali Keyshot in sola versione di lettura/visualizzazione: con un formato html condivisibile in rete il cliente ha la possibilità di vedere il modello 3D in movimento utilizzando semplicemente il mouse.

Questa applicazione risulta vincente per il lavoro collaborativo in remoto fra i vari membri del team progettuale ma è soprattutto utile per analizzare con il cliente le possibili combinazioni di colori, materiali e finiture, oltre a decidere il posizionamento delle fotocamere di rendering. In modo rapido e intuitivo si apportano le modifiche e con la rotazione a 360° si analizza il progetto da diversi punti di vista.

La versatilità, la velocità di esecuzione, la possibilità di condivisione e l’aggiornamento continuo con la progettazione CAD sono i motivi principali che ci hanno spinto a scegliere KeyShot per le renderizzazioni sia delle nostre ingegnerizzazioni  sia di progetti specifici richiesti dai clienti.

Condividi questo post